Thursday 22nd Feb 2018

L'evento artistico di spicco in marzo a Pretoria e probabilmente in tutto il Sud Africa sarà l'apertura della mostra dedicata a Luigi di Sarro e allestita nel museo dedicato a Edoardo Villa, un altro grande italiano che ha lasciato un'impronta indelebile e difficilmente superabile nella storia dell'arte sudafricana. Il mese comincerà con l'inaugurazione della mostra, alla quale il giorno dopo farà seguito e darà una dimensione più completa la conferenza della professoressa Paola Ballesi, Docente di Estetica, già Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, che ha conosciuto personalmente l’artista e ha scritto del suo lavoro. Saranno ovviamente presenti all'apertura e alla conferenza la giornalista televisiva Alessandra Atti di Sarro, nipote di Luigi e direttrice del Centro di Sarro di Roma, e la dottoressa Anna Amendolagine, direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura di Pretoria, che insieme al curatore del museo di Pretoria  Daniel Mosako (con loro nella foto), hanno curato l'evento nei minimi dettagli.

La presidente del Centro Di Sarro, Iole Di Sarro, non sarà presente fisicamente al duplice  evento ma interverrà con un suo messaggio, di cui siamo in grado oggi di anticipare alcuni passaggi. Eccoli:

"In occasione della ricorrenza, il 24 febbraio 2019, del compimento del 40° anno dalla morte di Luigi Di Sarro, il Centro di Documentazione della Ricerca Artistica Contemporanea Luigi Di Sarro - Centro studi, Spazio espositivo e Archivio storico a lui dedicato - promuove una serie di eventi in Italia e all’estero, allo scopo di far meglio conoscere a livello internazionale la multiforme produzione artistica di Di Sarro, ancora oggi reputata di grande attualità.

L’omaggio a Luigi Di Sarro, artista attivo negli anni Sessanta e Settanta - periodo oggi all’attenzione della critica per le spinte innovative portate nell’arte contemporanea -, vuole evidenziare la sua forte vocazione sperimentale.

Il progetto - lanciato idealmente dallo stesso Di Sarro, che in un disegno a penna aveva indicato le mete sul globo terrestre “Roma, New York, Tokyo e… chissà dove” (all’estremo sud del mondo, forse, dove non era ancora mai andato) - è stato accolto con entusiasmo del Direttore dell’IIC di Pretoria dott.ssa Anna Amendolagine che ha accettato di aprire il biennio di eventi nel marzo 2018, da Pretoria in Sudafrica.

Altre tappe delle celebrazioni del Quarantennale prevedono mostre dell’opera pittorica e della fotografia sperimentale di Luigi Di Sarro in numerosi Istituti Italiani di Cultura.

Il Centro Di Sarro ringrazia anche il Museo dell’Università di Pretoria che ospita la mostra di sculture e disegni di Luigi Di Sarro nella sala del Fondo Edoardo Villa, creando in tal modo un proficuo dialogo. Per suggellare il profondo rapporto che il Centro Di Sarro, nel nome di Luigi Di Sarro, ha creato negli ultimi 10 anni con il Sudafrica attraverso il progetto ARP-Art Residency Project dedicato ai giovani artisti italiani e sudafricani, verrano donate due calcografie alla Collezione del Museo dell’Università di Pretoria che saranno oggetto di studio per le generazioni di studenti dell’Ateneo".

Alla base del concept della mostra World Disclosure, che come abbiamo detto verrà inaugurata il 1 marzo alle 18:00, si trova il dialogo che intercorre tra le opere, per la maggior parte scultoree, di due artisti italiani del secolo scorso: Luigi Di Sarro ed Edoardo Villa. La mostra è composta da otto sculture e dodici gigantografie, riprodotte da disegni originali di Di Sarro del 1972, alle quali si affiancano otto sculture di Villa. Due poetiche artistiche a confronto che entrano in questo modo in diretto dialogo tra loro. E fanno riflettere, discutere, ragionare.

Il giorno seguente 2 marzo alle ore 10:00, la curatrice Paola Ballesi terrà la conferenza, anch’essa intitolata World Disclosure, presso la sala Merensky Library Auditorium, Hatfield Campus Library della stessa Università, dove esplorerà le tematiche principali della mostra. Infine, come annunciato da Iole Di Sarro nel suo messaggio, per promuovere ulteriormente la conoscenza di questo straordinario artista italiano, due incisioni originali di Luigi Di Sarro saranno donate ai Musei dell'Università di Pretoria.
 
 
 
Write comment (0 Comments)
Address by the President of the Republic of South Africa and the Commander-in-Chief of the South African National Defence Force, Cyril Ramaphosa, on the occasion of the Armed Forces Day, Kimberly, Northern Cape.- 

Minister of Defence and Military Veterans, Ms Nosiviwe Mapisa Nqakula,
Ministers and Deputy Ministers present,
Premier of the Province of the Northern Cape, Ms Sylvia Lucas,
Secretary for Defence, Dr Sam Makhudu Gulube,
Chief of the South African National Defence Force, General Solly Shoke, 
Generals, Admirals, Officers, Warrant Officers, Non-Commissioned Officers,
Military Veterans,
Distinguished Guests,
Ladies and Gentlemen,

I am honoured to be back in Kimberely for the second time in four days to join the South African National Defence Force and the people of the Northern Cape in hosting Armed Forces Day.
 
At the interfaith service I attended on Sunday, I saw in our armed forces a reflection of the South Africa we are constantly seeking to build.
 
I saw the diversity of our country enveloped in your uniforms.
 
I saw – just as I witness today – black and white South Africans, young and old, men and women, together.
 
I saw discipline, commitment and professionalism.
 
And I saw the warmth of our national character shining through.
 
The participation of all faiths in the Sunday event was a reminder of the inclusive society we are building. It was heartening to see the wonderful, creative talent of men and women in uniform on display.
 
On Sunday, it was our men and women in uniform who lifted the spirit of our nation through the soaring voices of soloists, trumpeters, saxophonists and the vibrant defence choir.
 
So when we look at our armed forces we see a manifestation of the South Africa that belongs to all of us, black and white, which our Constitution directs us to build.
 
This day is a reminder that our soldiers are an integral part of us, not an external force.
 
You are bedrock of our communities.
 
You are our mothers, fathers, sons, daughters, friends, neighbours.
 
We dare not fail to appreciate how the peace we enjoy lives alongside the constant vigilance and readiness that enables you to keep us as safe as we are.
 
You are opening incredible opportunities for young people in both the public and private sectors.
 
South Africa’s defence technology is globally sought after. Much of our technological capability shows that we are well positioned, through our armed forces, to participate in the Fourth Industrial Revolution. This has established our defence sector as an important contributor to innovation in our economy. It has made defence a sector where young people can exercise not just their physical capabilities, but their creativity and exercise skills across a broad range of endeavours – from catering to intelligence gathering, to engineering and project management.
 
Fellow Compatriots,
 
A decision was taken in 2012 to proclaim the 21st of February as Armed Forces Day. It commemorated the day in 1917 when the SS Mendi was sunk in World War I. The SS Mendi was transporting 823 members of the 5th Battalion, the South African Native Labour Corps to France, when it was struck by the SS Darro. Over 600 black troops died in the disaster.
 
It is a day on which we remember the bravery of soldiers prepared to fight in a war that was not theirs. It is recorded that as the SS Mendi sank, the soldiers chose to die with dignity and honour.
 
It was this tragedy that SEK Mqhayi recalled in his poem, ‘Ukutshona kukaMendi’. In it he writes:
 
Could we have sacrificed anything more precious?
What did it mean to sacrifice a village?
Was it not giving the bull calves of your homestead?
Sending those very ones who loved you as a nation?
We’re talking deep now; we have added our voice,
Proudly we are part of those opening the road to freedom.
In the way Abel was the sacrifice of the earth?
In the way the Messiah was the sacrifice of heaven?
Be consoled, all you orphans!
Be consoled, all you young widows!
Somebody has to die, so that something can be built;
Somebody has to serve, so that others can live…
 
This day has become a day that allows us to remember all men and women who have paid the ultimate price in defence of freedom, peace and justice. It reminds us that blood was spilled by many of our people to guarantee us our freedom and dignity. It is a reminder that honourable and courageous men and women continue to put their lives on the line to secure our peace and defend our Constitution.
 
Compatriots,
 
This year, Armed Forces Day celebrations carry a profound and special meaning for our nation. They occur at a time when our defence force has once again demonstrated the deep roots of our Constitutional dispensation. They are even more significant because they occur in a year when South Africa commemorates the centenary year of our icon and first Commander-in-Chief, President Nelson Rolihlahla Mandela. It is this SANDF that President Mandela envisaged as a non-partisan unifier and defender of all South Africans.
 
President Mandela oversaw the formation of the SANDF as a force that upholds the Constitution of the Republic in defence of all its people. President Mandela left behind a disciplined SANDF that protects our territorial integrity and supports peace and development initiatives on the African continent.
 
Thank you heartily for your patriotism and for lending a hand in the renewal and development of our beloved country. We applaud the major role that the Department of Defence is playing in actively promoting our Defence Force as a career of choice.
 
During the past year, the South African Navy continued to lead the Department of Defence’s participation in Operation Phakisa.
Through Operation Phakisa, the SANDF aims to enhance ship-building. During this year, the SANDF will lead the rejuvenation of the Naval Dockyard in Simon’s Town. It will commence with the building of patrol and survey vessels for the South African Navy to rejuvenate the national ship building industry.
 
This project will create 570 high technical jobs and 4,500 indirect jobs over the next five years.
 
The SANDF conducted various maritime border safeguarding operations under Operation Corona, ensuring the safety and stability of South Africa’s maritime zones. Operation Thusano is a departmental initiative with the Cuban armed forces that involves the maintenance and repairing of the SANDF operational vehicle fleet. From inception in 2015, over 4,000 vehicles have been repaired and several workshops in SANDF units revived. A total of 446 South Africans are apprentices and a further 395 have qualified as technicians through transfer of practical knowledge by the Cubans.
 
As I mentioned in the State of the Nation Address, I will soon be visiting the leadership and management of our national departments to see how well we can work together to accelerate the imperatives of service delivery, training and job creation.
As Commander-in-Chief of the South African National Defence Force, I will be prioritising my engagement with the Department of Defence.
 
On this historic and auspicious day, I wish you well and thank you once more for your loyalty to our country and for your service to our people.
 
Write comment (0 Comments)
I lavoratori emigrati all’estero possono presentare domanda fino al 16 maggio - 
 
VENARIA REALE (Torino) - Il comune di Venaria ha indetto un bando per la formazione della graduatoria per l’assegnazione in locazione di alloggi di edilizia sociale. Possono partecipare al bando coloro che siano residenti o prestino attività lavorativa da almeno tre anni nei Comuni dell’ambito territoriale 4 che comprende i Comuni di: Venaria Reale, Alpignano, Druento, Givoletto, La Cassa, Pianezza, San Gillio e Val della Torre.

Le domande possono essere presentate fino a lunedì 16 aprile 2018. Per i lavoratori emigrati all’estero il termine per la presentazione della domanda è prorogato di trenta giorni (ore 13.00 del 16 maggio 2018) (Per consultare il bando: venariareale.trasparenza-valutazione-merito.it (Inform)
Write comment (0 Comments)
Ecco cosa pubblica il Corriere della Sera di oggi: 
 
Voti spediti, rischio brogli e candidati improbabili. L’incognita voto estero - 

Ma la Consulta respinge il ricorso: solo la Cassazione può chiarire. Maggiore sorveglianza e codici a barre ma per il resto tutto funziona come in passato -
 
di Gian Antonio Stella - 
 
Tutto come prima. Nonostante gli scandali, le inchieste, le condanne, le infiltrazioni mafiose, i video australiani coi pacchi di schede riempite da «mo figghiu cu ati boy frend» (mio figlio e altri amici), il voto degli italiani all’estero resta così come era. Il ricorso alla Corte costituzionale che avrebbe potuto far saltare tutto è stato infatti respinto. Ma come: dopo tante schifezze viste negli anni capaci di gettare ombre pesantissime sulla realizzazione del sogno del vecchio Mirko Tremaglia di dare la possibilità ai nostri emigrati di dire la loro «dentro» il Parlamento italiano? La questione del sistema elettorale a rischio non è stata manco sfiorata, spiega la Consulta: un «errore di percorso ha impedito alla Corte di entrare nel merito». Un anno dopo la presentazione del quesito sollevato dal Tribunale di Venezia in occasione del referendum del 4 dicembre 2016 e dodici giorni prima del 4 marzo, i giudici dicono infatti che i dubbi sulla segretezza e la validità dei voti all’estero andavano rivolti «all’Ufficio centrale per la circoscrizione estero» e poi «all’Ufficio centrale per il referendum presso la Corte di cassazione», l’unica «legittimata a sollevare l’incidente di costituzionalità». Fine.

Certo, non sarebbe stato facile far saltare tutto a meno di due settimane dalle Politiche. Gli italiani che vivono fuori, proprio per le procedure macchinose, hanno già in larga parte votato. La Camera «deve» avere i suoi dodici deputati eletti all’estero e così il Senato i suoi sei senatori. Auguri. Fatto sta che, salvo ritocchi come l’introduzione di codici a barre e una maggiore sorveglianza su stampa, custodia e distribuzione delle schede «per rendere tracciabile il percorso» non molto è cambiato rispetto alle altre volte. Il tutto nonostante siano passati sedici anni dal varo della legge (con tanto di francobollo commemorativo) e sei dalle accuse del Sindacato nazionale dipendenti ministero Affari esteri che nel 2012, pur «non mettendo in alcun modo in discussione» la scelta di far votare gli italiani all’estero, denunciava «i suoi costi e la sua scarsa sicurezza». E affermava la necessità di arrivare subito all’«opzione di riforma più radicale», «meno costosa» e «di più agevole gestione: l’adozione del voto remoto», cioè elettronico, che «sarebbe infinitamente più sicuro di quello attuale». Macché… Perfino il voto delle Politiche 2013, accusa l’ambasciatore Calogero Di Gesù in Dietro le quinte della Farnesina, non «è stato esente dai già noti gravissimi inconvenienti già denunciati in occasione di precedenti votazioni».

Lo dicono i dati ufficiali, pubblicati dal ministero degli Esteri: «A fronte di 3.494.687 plichi elettorali inviati dalle ambasciate e dai consolati agli italiani residenti all’estero, compresi quelli aggiunti localmente a norma di legge, risultano restituite, con le schede elettorali votate, alle nostre Sedi 1.122.294 buste, pari al 32,11% di quelle inviate. Non è stato possibile recapitare per irraggiungibilità dei destinatari l’11,38% dei plichi inviati». Ciò significa, scrive il diplomatico, durissimo su tante storture, che «dei circa 3 milioni e mezzo di elettori residenti all’estero meno di un terzo ha votato mentre più di due terzi, cioè 2 milioni e 372.393 elettori, non hanno votato». Di più: «Il problema di possibili brogli riguarda anche le 1.122.294 buste restituite al consolato e le schede votate in esse contenute: chi può garantire che chi le ha votate è realmente l’elettore destinatario del plico?». Ne abbiamo viste di tutti i colori, negli anni. Dal debutto (disastroso) dell’ex ragazza del Geghegé Rita Pavone (emigrata a Lugano!) alla candidatura della vaporosa sexy-soubrette argentina Iliana Calabrò, che spiegò in un’irresistibile intervista a Fabrizio Roncone: «Verrò in Italia solo in occasione delle votazioni più importanti: per il resto del tempo, me ne starò qui a Buenos Aires, vicino ai miei cari elettori italiani». E poi l’ascesa tra le macchiette planetarie di Antonio Razzi, che esordì definendo Berlusconi e Bossi «gli Stan Laurel ed Oliver Hardy della politica italiana» e finì per definirsi «né falco e né colomba nel Pdl: sono solo di proprietà di Berlusconi». E poi «el sedadòr» argentino Pallaro che riuscì «miracolosamente» a raccogliere 84.507 voti nella Pampa e a diventare l’ago della bilancia che teneva in piedi col suo voto il governo Prodi finché non lo lasciò cadere.

Per non dire appunto degli scandali. Come l’apparizione di Nicola Di Girolamo, che era «sconosciuto all’anagrafe belga» ma non agli amici delle «’ndrine» sparsi per l’Europa e finì a Palazzo Madama finché non saltarono fuori i rapporti con la mafia calabrese e finì in galera nell’ambito di una inchiesta sul riciclaggio di capitali della ‘ndrangheta. Su tutto, però, anche se non c’entrava la criminalità organizzata, svetta il racconto di Paolo Rajo, cronista della radio australiana Rete Italia: «Ero andato in giro a chiedere voti come facevano tutti i candidati e sono capitato a casa di un conoscente con famiglia numerosa. (…) Quando gli ho spiegato il motivo della mia visita mi ha detto candidamente: “Ma Paolo, noi ti stiamo già aiutando, in garage c’è mo figghiu cu ati boy frend che ti stanno a riempire le tue ballot paiper”. Cioè le schede elettorali. (…) “Ti faccio vedere, vieni” e mentre andavamo nel suo garage mi spiega che era stato avvicinato da alcune persone che gli avevano detto: “Se vuoi aiutare Paolo ti portiamo dei pacchi di schede e ti diciamo cosa devi fare, poi passeremo noi a riprenderle e daremo anche una cassa di birra ai ragazzi che ci aiuteranno”. (…) Entro in garage e davanti a me, si para la scena di un tavolo apparecchiato con tovaglioli, ma sopra invece che del cibo c’erano tantissime schede pronte al voto in serie». Tutto mandato on line.

Può succedere ancora? Vedremo. Ma certo anche stavolta il voto degli italiani all’estero, con la sua fama di carrozzone elettorale dalle mille sorprese, ha visto affacciarsi da tutto il mondo figure di varia umanità. Dal cervello in fuga consulente alla Banca mondiale alla pensionata rientrata in Italia, da chi non ha mai vissuto all’estero come la giornalista di Rai International Francesca Alderisi («vi invito a votarmi perché per me non c’è italiano più italiano di un italiano all’estero») a chi, a quanto pare, non si è mai mosso dal computer. Come Giuseppe Macario, che si sarebbe candidato piazzando una foto non sua e un curriculum grondante di note d’eccellenza (non sue) ed è stato smascherato dalla direttrice del sito di Rolling Stone Selvaggia Lucarelli, incuriosita dalle liste dei candidati per la ripartizione America del Nord dove spiccava il suo «movimento»: Free Flights to Italy. Voli gratis per l’Italia. Non male per uno che sarebbe sempre stato a Fiano Romano. Dove vive con la mamma. Lei pure candidata nelle Americhe, dal Guatemala all’Ontario…
Write comment (0 Comments)
The City has said technical challenges will result in more residents receiving estimated water accounts for January.

Mayco member for Water, Xanthea Limberg, said the City moved from a third party electronic platform to an in-house electronic interface system for the uploading of monthly water meter readings, and since the move, there have been technical challenges with uploading meter readings to the new system. As a result, some customers will receive estimated bills although their meter was read. Customers across the City will be affected.

"Where residents receive estimated bills, the City recommends that they settle the account as they would normally. If the estimate is higher than the actual usage then their account will be adjusted appropriately the next time the actual meter reading is captured. In cases where estimated consumption far exceeds actual consumption, and residents are unable to afford the bill, they can approach the City’s call centre or their closest walk-in centre to request an investigation. Debt management will be suspended until the investigation is resolved," Limberg said.

Limberg said estimated bills are currently based on consumption for the same period in the previous year. For example, a meter estimate for January 2018 is based on the actual usage of January 2017. This method is used to account for seasonal variation in water consumption. The City is however working to adapt the estimation method to account for changing consumption patterns due to the current water shortage. From 1 March 2018, estimated accounts will be based on average consumption at the property for the previous three months.
  
Residents can, however, avoid estimated bills altogether by submitting their own meter reading. More details on how to do so can be found at the following link: http://www.capetown.gov.za/Family%20and%20home/residential-utility-services/residential-water-and-sanitation-services/water-meter-readings
Write comment (0 Comments)