Tuesday 28th Mar 2017

ROMA - No ai pregiudizi, alle dicerie, ai rapporti personali basati sugli utili e gli interessi egoistici. Camminare “nella luce”: questo l’invito che Papa Francesco ha fatto domenica a tutti i cattolici durante l’Angelus recitato insieme ai fedeli riuniti a San Pietro.

“Al centro del Vangelo di questa quarta domenica di Quaresima – ha esordito il Papa richiamando la pagina di Giovanni proposta dalla Liturgia – si trovano Gesù e un uomo cieco dalla nascita. Cristo gli restituisce la vista e opera questo miracolo con una specie di rito simbolico: prima mescola la terra alla saliva e la spalma sugli occhi del cieco; poi gli ordina di andare a lavarsi nella piscina di Siloe. Quell’uomo va, si lava, e riacquista la vista. Era un cieco dalla nascita”.
 
“Con questo miracolo – ha aggiunto Francesco – Gesù si manifesta e si manifesta a noi come luce del mondo; e il cieco dalla nascita rappresenta ognuno di noi, che siamo stati creati per conoscere Dio, ma a causa del peccato siamo come ciechi, abbiamo bisogno di una luce nuova; tutti abbiamo bisogno di una luce nuova: quella della fede, che Gesù ci ha donato. Infatti quel cieco del Vangelo riacquistando la vista si apre al mistero di Cristo. Gesù gli domanda: “Tu credi nel Figlio dell’uomo?”. “E chi è, Signore, perché io creda in lui?”, risponde il cieco guarito. “Lo hai visto: è colui che parla con te”. “Credo, Signore!” e si prostra dinanzi a Gesù. Questo episodio ci induce a riflettere sulla nostra fede, la nostra fede in Cristo, il Figlio di Dio, e al tempo stesso si riferisce anche al Battesimo, che è il primo Sacramento della fede: il Sacramento che ci fa “venire alla luce”, mediante la rinascita dall’acqua e dallo Spirito Santo; così come avvenne al cieco nato, al quale si aprirono gli occhi dopo essersi lavato nell’acqua della piscina di Siloe”.
 
“Il cieco nato e guarito – ha spiegato il Papa – ci rappresenta quando non ci accorgiamo che Gesù è la luce, è «la luce del mondo», quando guardiamo altrove, quando preferiamo affidarci a piccole luci, quando brancoliamo nel buio. Il fatto che quel cieco non abbia un nome ci aiuta a rispecchiarci con il nostro volto e il nostro nome nella sua storia. Anche noi siamo stati “illuminati” da Cristo nel Battesimo, e quindi siamo chiamati a comportarci come figli della luce. E comportarsi come figli della luce esige un cambiamento radicale di mentalità, una capacità di giudicare uomini e cose secondo un’altra scala di valori, che viene da Dio. Il sacramento del Battesimo, infatti, esige la scelta di vivere come figli della luce e camminare nella luce. Se adesso vi chiedessi: “Credete che Gesù è il Figlio di Dio? Credete che può cambiarvi il cuore? Credete che può far vedere la realtà come la vede Lui, non come la vediamo noi? Credete che Lui è luce, ci dà la vera luce?” Cosa rispondereste? Ognuno risponda nel suo cuore”.

“Che cosa significa avere la vera luce, camminare nella luce? Significa innanzitutto abbandonare le luci false: la luce fredda e fatua del pregiudizio contro gli altri, perché il pregiudizio distorce la realtà e ci carica di avversione contro coloro che giudichiamo senza misericordia e condanniamo senza appello. Questo – ha sottolineato – è pane tutti i giorni! Quando si chiacchiera degli altri, non si cammina nella luce, si cammina nelle ombre. Un’altra luce falsa, perché seducente e ambigua, - ha aggiunto – è quella dell’interesse personale: se valutiamo uomini e cose in base al criterio del nostro utile, del nostro piacere, del nostro prestigio, non facciamo la verità nelle relazioni e nelle situazioni. Se andiamo su questa strada del cercare solo l’interesse personale, camminiamo nelle ombre. La Vergine Santa, che per prima accolse Gesù, luce del mondo, ci ottenga la grazia di accogliere nuovamente in questa Quaresima la luce della fede, riscoprendo il dono inestimabile del Battesimo, che tutti noi abbiamo ricevuto. E questa nuova illuminazione ci trasformi negli atteggiamenti e nelle azioni, per essere anche noi, a partire dalla nostra povertà, dalle nostre pochezze, portatori di un raggio della luce di Cristo”.

Dopo l’Angelus il Papa ha ringraziato i milanesi “per la calorosa accoglienza” che gli hanno riservato sabato. “Veramente mi sono sentito a casa, e questo con tutti, credenti e non credenti. Vi ringrazio tanto, cari milanesi, e vi dirò una cosa: ho constatato che è vero quello si dice: “A Milan si riceve col coeur in man!”. Auguro a tutti una buona domenica. Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo – ha concluso – e arrivederci!”. (aise)

Write comment (0 Comments)

Caro Studente, caro Socio,
per consentire a tutti i membri della Dante di poter prendere parte ad un importante evento organizzato dal Consolato d'Italia a Città del Capo, abbiamo spostato la data dell'Assemblea Generale della Società Dante Alighieri, Comitato di Città del Capo, a
 
lunedì 3 aprile c.a. alle ore 20.00
 
in prima convocazione e alle 20.15 in seconda convocazione presso la sede in 137, Hatfield Street, Gardens, Cape Town. Vi chiediamo di voler confermare la vostra presenza entro il 28 marzo 2017 a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

QUEST'ANNO CI SARANNO LE ELEZIONI DEL NUOVO COMITATO DIRETTIVO.

Solo i soci della Società Dante Alighieri in possesso della tessera associativa 2017 avranno possibilità di partecipare all’assemblea. Per diventare Socio o per rinnovare la propria iscrizione basta compilare e firmare il modulo in allegato e inviarcelo insieme alla prova di pagamento, entro il 2 aprile 2017.

Trovate qui - ttps://drive.google.com/file/d/0Bw5BN_2aTGREQmV4QkdXd3lCY3c/view - l'ordine del giorno, qui - https://drive.google.com/file/d/0Bw5BN_2aTGREanlKbzROLUFUbnc/view - il modulo per la nomina insieme al modulo per un’eventuale delega e qui - ttps://drive.google.com/file/d/0Bw5BN_2aTGREQzZFSDNJNzZ6cjQ/view - il modulo associativo. Per essere eletti nel Comitato è necessario essere membri dell'associazione da almeno un anno.

IMPORTANTE: i moduli per eventuali nomine o delega devono essere inviati a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. entro e non oltre il 28 marzo 2017.

Cari saluti,
Lo Staff La Dante

Write comment (0 Comments)

The Mbizana Rural Development Hub in the Easter Cape -

President Jacob Zuma will on Friday, 31 March 2017, officially launch the Mbizana Rural Enterprise Development (RED) Hub, which is an OR Tambo Centenary Project at Dyifani village in Mbizana, in the Eastern Cape province, run by the Eastern Cape provincial government.

In his State of the Nation Address, President Zuma declared 2017 the year of Oliver Reginald Tambo, who would have been 100 had he lived.

The Mbizana RED Hub is one of the four RED hubs in the Eastern Cape, implemented by the Rural Development and Agrarian Reform (DRDAR)’s agency, the Eastern Cape Rural Development Agency (ECRDA) and covers six wards which constitute 14 villages in the Mbizana Local Municipality, Alfred Nzo District Municipality.

These wards have registered 14 primary co-operatives that have then formed a secondary co-operative which is a structure that owns the RED Hub.

The RED Hub will service the villages with a strong focus on value addition of grain as well as Hub primary production, mechanisation and establishment of a trading centre for farmers to assist cooperatives in growing the local rural economy to create jobs and sustainable livelihoods.

A total of R53.5 million has been invested in establishing and operating the Mbizana RED Hub. The funds for this initiative have been provided to ECRDA by the Eastern Cape Provincial Treasury and ECRDA is implementing the initiative.

The Mbizana RED Hub planted 986 ha in 2014/15 crop production season at 13 primary cooperatives. The total white maize yield that was bagged was 317 tons and 226.5 tons was sold to Mqanduli RED Hub.

In 2015/16 crop production season, there were only 488.1 ha planted land with white maize. This was attributed to the dry and hot drought conditions that affected the entire country. In 2016/17 crop production season, there is approximately 1459 ha planted land with white maize.

Primary Co-operatives received R6.4 million subsidy for mechanisation operations from DRDAR and they took a loan for production inputs.

In 2015/16 DRDLR assisted primary co-operatives with production inputs. The department also supported primary production with fencing of all the arable land that is currently being used for maize production and with two Crop Interns.

President Zuma to launch the biggest social housing project

President Jacob Zuma will on Saturday, 01 April 2017, launch the country’s biggest social housing project in Pietermaritzburg, KwaZulu-Natal Province.

The Westgate Social Housing project expected to provide decent and affordable accommodation to more than three thousand people is a direct positive response to the housing needs of those who neither qualify for the fully subsidised housing programme nor qualify for the bonded houses affectionately known as “gap market”.

The project, which was developed under the Social Housing Policy for households with monthly incomes between R1500 to R7500, is a great achievement for government through the Department of Human Settlements.

Government has delivered close to 4,5 million houses and opportunities since the dawn of democracy.

Issued by: The Presidency
Pretoria

President Zuma reconstitutes the Inter-Ministerial Committee on Communication

President Jacob Zuma has reconstituted the Inter-Ministerial Committee (IMC) on Information and Publicity.

The IMC is responsible for championing and coordinating the work of government with regards to communicating government programmes.

The IMC will now be called the Inter-Ministerial Committee on Communication and will be chaired by the President assisted by the Minister of Communications who will be responsible for the overall coordination of the communication function as per her portfolio.

This completes the transitional period during which the Minister in the Presidency responsible for Planning, Monitoring and Evaluation chaired the IMC. The location of the communication function in the Communication Ministry will centralise communication and should improve the management of GCIS which will now report to one Minister, the Minister of Communications.

The members of the IMC on Communications comprise the following:

Minister of Communications, Ms Faith Muthambi
Minister in the Presidency for Planning, Monitoring and Evaluation, Mr Jeff Radebe
Minister of Arts and Culture, Mr Nathi Mthethwa
Minister of Cooperative Governance and Traditional Affairs, Mr David van Rooyen
Minister of Economic Development, Mr Ebrahim Patel
Minister of Environmental Affairs, Ms Edna Molewa
Minister of Finance, Mr Pravin Gordhan
Minister of International Relations and Cooperation, Ms Maite Nkoana-Mashabane
Minister of Police, Mr Nathi Nhleko
Minister of Social Development, Ms Bathabile Dlamini
Minister of State Security, Mr David Mahlobo
Minister of Telecommunications and Postal Services, Dr Siyabonga Cwele
Minister of Trade and Industry, Dr Rob Davies and
Minister of Water and Sanitation, Ms Nomvula Mokonyane

The Government Communication and Information System (GCIS) is the Secretariat of the IMC.

President Zuma has thanked Minister Radebe for his capable management of the function until the hand over to its rightful department.
 
Issued by: The Presidency
Pretoria

Write comment (0 Comments)

ROMA - Anche quest’anno il Ministero degli Affari Esteri ha lanciato il “Bando per l’assegnazione di borse di studio offerte dal Governo italiano a studenti stranieri e studenti cittadini italiani residenti all’estero (Ire) per l’anno accademico 2017-2018”.
Il bando si è aperto ieri 27 marzo; le domande dovranno essere presentate entro il 10 maggio.

Obiettivo dell’iniziativa, come sempre, quello di “favorire la cooperazione culturale internazionale, la diffusione della conoscenza della lingua, della cultura e della scienza italiana e la proiezione del sistema economico e tecnologico dell’Italia nel mondo”.

Le borse di studio sono offerte per svolgere programmi di studio, formazione e/o ricerca presso Istituzioni italiane statali o legalmente riconosciute il cui elenco è disponibile sul sito del Miur.

Possono concorrere alle borse gli studenti stranieri o studenti italiani stabilmente residenti all’estero in possesso di un Titolo di studio valido per l’iscrizione ai corsi presso l’Istituzione prescelta.

I candidati devono avere un’età compresa tra i 18 e i 36 anni, compiuti alla data di scadenza del bando (10 maggio). Per coloro che si candidano al primo anno di un Corso di Dottorato, il limite massimo d’età è fissato a 33 anni, compiuti alla data di scadenza del bando. Per i Corsi di aggiornamento/formazione per docenti di lingua italiana, possono presentare domanda i candidati di età compresa tra i 18 e i 45 anni.

Il bando è disponibile qui http://serviziweb.esteri.it/BorseOnLine/immagini/BAND2017-2018.pdf. (aise)

Write comment (0 Comments)

President Jacob Zuma has instructed the Minister of Finance, Mr Pravin Gordhan and Deputy Minister Mcebisi Jonas to cancel the international investment promotion roadshow to the United Kingdom and the United States and return to South Africa immediately.
 
Issued by: The Presidency
Pretoria

Write comment (0 Comments)