Thursday 19th Jan 2017

Aggiornamento del 19 gennaio, ore 11.00 -
 
La sequenza sismica continua con un numero complessivo di scosse superiore alle 47.000 dal 24 agosto 2016. Alle ore 11.00 di oggi, 19 gennaio, sono circa 960 i terremoti di magnitudo compresa tra 3 e 4, 57 quelli di magnitudo compresa tra 4 e 5 e 9 quelli di magnitudo maggiore o uguale a 5, localizzati dalla Rete Sismica Nazionale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

Da ieri, 18 gennaio, la sequenza è molto attiva tra le province dell’Aquila (Montereale, Pizzoli, Capitignano, Campotosto, Cagnano Amiterno) e Rieti (Amatrice) e in quella zona l’INGV ha localizzato complessivamente circa 500 eventi sismici: circa 55 i terremoti di magnitudo compresa tra 3 e 4, 7 quelli di magnitudo compresa tra 4 e 5 e 4 quelli di magnitudo maggiore o uguale a 5.

Write comment (0 Comments)

TRIESTE - “Origini Italia”, partita  l’edizione 2017 del Programma di Mib Trieste School of Management . Fino al 31 marzo  i  candidati possono presentare la domanda on-line.

“Il candidato ideale è un discendente di emigranti italiani residenti all'estero (preferibilmente in Paesi extra europei), di età compresa tra i 25 e i 35 anni, con un forte spirito di iniziativa e con il desiderio di rallacciare rapporti con l’Italia” si sottolinea dalla scuola di formazione.

Mib, in collaborazione con Ice-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, la Regione Friuli Venezia Giulia, e altre amministrazioni regionali italiane, promuove e organizza il Corso Origini Italia in Export Management e Sviluppo Imprenditoriale.

“Origini” è nato per: “favorire la collaborazione fra le imprese italiane e i cittadini di origine italiana nel mondo; rafforzare i legami professionali e culturali tra i discendenti degli emigrati e la terra d’origine; sviluppare nei giovani partecipanti nuove competenze di gestione aziendale e di international business con lezioni d’aula, seminari, workshop ed esperienze in azienda”.

“I partecipanti ritrovano la cultura, la storia, la lingua degli avi per consolidare la propria identità, e al contempo affrontano una nuova esperienza di tipo imprenditoriale e manageriale, in collaborazione con importanti imprese italiane”.

Il corso dura 4 mesi (21 agosto 2017 – 16 dicembre 2017) ed è svolto in lingua inglese.

I primi feedback sulle candidature saranno rilasciati nel mese di maggio; il risultato finale, con l’elenco dei candidati ammessi, sarà pubblicato entro la metà di giugno.

Il Programma Origini Italia mette a disposizione un numero limitato di posti e può accogliere un massimo di 20 partecipanti.

Grazie al sostegno finanziario degli enti e delle istituzioni partner, la partecipazione al programma è a titolo completamente gratuito.

Informazioni dettagliate sui requisiti di accesso e sul processo di ammissione sono pubblicati nel Bando, disponibile sul sito web www.mib.edu/origini (Inform)

Write comment (0 Comments)

Roger Southall - 

South African President Jacob Zuma greets supporters at a rally to commemorate the 105th birthday of his ruling African National Congress (ANC), in Soweto, South Africa, January 8, 2017. REUTERS/James Oatway -

South Africa’s President Jacob Zuma kicked off the new year by declaring that God was on the side of the ruling African National Congress (ANC). Speaking ahead of the ANC’s 105th birthday celebrations which took place at the Orlando Stadium in Soweto, he reiterated a statement he has made several times before – that the party will rule until Jesus comes.

This time he went even further, hitting back at the party’s detractors by declaring: We believers never forget that, just like the son of man who came to wash away all of our sins, the birth of the ANC happened to free the people who were oppressed.

By implication, it would seem, any president of the ANC must be pretty well in with God, and those against him, on the side of the Devil.

Put aside, for the moment, any thought of whether Zuma actually believes this twaddle. Consider instead that it actually fits the liberation movement cosmology of the ANC.

In the beginning, there was the Garden of Eden, centred in Merrie South Africa, an ancestral land blessed by plenty, peace, wealth, comfort and ubuntu - (or human kindness).

Then came the Fall.

The chosen instrument of Providence?

Originally Africans had had the land, and the whites had come with the Bible. Colonialism and apartheid saw the whites grab the land, leaving the blacks with the Bible. But then along came the ANC, with many clerics at its head, with its fore-ordained mission to restore South Africa to its rightful owners. And save South Africa it did, leading the country to  redemption by finally vanquishing apartheid in 1994 under the messianic leadership of Nelson Mandela.

Alternatively, of course, there is the secular version of much the same story, told in pseudo-scientific, Soviet-style Marxist language. This time round, the vehicle of salvation is the class alliance of the ANC with the South African Communist Party. This embodied a simultaneous struggle for national liberation and socialism – although now redemption comes in two stages, first that of the national democratic revolution, and only then, the heaven-on-earth of socialism.

Common to both versions is the certainty of history. It is the ANC that represents the people, and knows their true interests and destiny. Even if, on occasion, it follows the wrong path, as the chosen instrument of Providence it will find its way back to the straight and narrow.

All other parties are therefore heretics and impostors, and are therefore bound to be overcome, for the ANC and the people are one. The ANC will therefore rule until the End of History, or Jesus’ second coming. Which is why, in a previous speech late last year, Zuma had felt confident enough to tell church leaders who had become critical of the ANC to stay out of politics and stick to religion. It is only the ANC, apparently, which is entitled to blur the two. As far as Zuma is concerned, it is the ANC which is the historic bearer of Good News.

For as the ANC slogan had it at the last general election in 2014, the party had “a good story to tell”. Which is a good thing, for in his message to the ANC at its birthday bash, Zuma had little or nothing to say. He acknowledged South Africa had been going through hard times – mostly, he said, because of hostile global conditions – but assured the faithful that continued pursuit of ANC policies of “transformation” would lead to better times ahead.

From saints to sinners

The problem for Zuma’s political theology is that far too many members of the ANC have been experiencing a dramatic loss of faith. They look back in fondness to the years of the struggle against apartheid when the ANC – whatever its earthly faults – was recognisably and unequivocally on the side of right and the righteous.

It had more saints than sinners, and its ethos was one of duty, self-abnegation and sacrifice. The individual was as nothing; the movement, the struggle, was everything. Yet now they look at the ANC of Zuma, and see little else but a leader and his acolytes deeply mired in corruption, the party torn apart by factionalism, and selfishness rampant. The interests of the people, they say, have been forgotten. The party must therefore “self-correct” – and do so quickly if it is to win back its sheep who have strayed.

Is there a Martin Luther within the ranks of the ANC willing to risk all and to nail his or her manifesto of reform to the church door? If so, it is becoming increasingly difficult to see one.

Party deputy president Cyril Ramaphosa has recently positioned himself as the reform candidate to replace Zuma when his term as party president expires in December 2017. He took a firm stand against corruption just prior to the ANC’s birthday. By openly decrying the perversion of the party’s electoral processes, bewailing votes bought by money stuffed in the boots of cars, and deploring “state capture”, he put clear distance between himself and Zuma.

However, he doesn’t make a very convincing reformer. Not only has he previously kept as quiet as a church mouse as Zuma has lurched from scandal to scandal, but he lacks a significant congregation within the ANC.

Nor is it likely that his major rival in the succession race, Nkosazana Dlamini-Zuma, the president’s ex-wife, would get to grips with the corruption and patronage that has sunk deep into the ANC.

As she would have been placed in power by Zuma’s own disciples in order to defend their interests and keep their boss out of jail, she would be too deeply compromised to drive the money-changers out from the temple. It therefore seems unlikely that the ANC will prove able to cleanse its soul and present itself as a credible saviour to the voters in the general election in 2019.

It is true, certainly, that the ANC may be able to use its considerable powers of persuasion to lure some lost sheep to the polls. Yet many will not only stay away but cast their votes elsewhere, throwing an ANC victory into question. Zuma may preach that with God on its side, the ANC will never fail. Yet with the ANC in its present state of decline, God seems an unlikely backer at the next general election. God, it would seem, is not an ANC loyalist, but rather a floating voter.
 

Roger Southall is a Professor of Sociology, University of the Witwatersrand

This article first appeared on The Conversation

Write comment (0 Comments)

ROMA – Il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Angelino Alfano, ha illustrato ieri in un'audizione alle Commissioni Esteri riunite di Camera e Senato le linee programmatiche del suo dicastero.

In premessa Alfano ha rilevato come l'agenda della politica estera sia “molto ampia”, estensione e complessità di argomenti che determina giocoforza una limitazione del suo intervento ad una “visione di insieme” del suo impegno programmatico, escludendo l'esaustività. In riferimento alla limitatezza, anche temporale, del suo incarico – nel caso di mancata indizione di elezioni anticipate, la scadenza “naturale” di questa legislatura è prevista tra un anno, - egli ha sottolineato come al succedersi dei governi la politica estera abbia offerto “una continuità di fondo che ha fatto da contrappunto all'instabilità politica” caratteristica del nostro Paese – Alfano è, segnala, il 37° ministro degli Esteri della nostra storia repubblicana. Una “continuità oggettiva, che ha assicurato che l'Italia conservasse il suo profilo nello scenario internazionale” e che ha come perno quattro inderogabili punti di riferimento: “il grande orizzonte transatlantico, la fede nel processo di integrazione europea, la vocazione mediterranea, la tutela e difesa dei diritti umani”.

Altro elemento di continuità segnalato è il “progressivo scolorimento delle frontiere tra politica interna ed estera”, testimoniato dal fatto che temi di assoluto rilievo di cui Alfano si è occupato in qualità di ministro degli Interni nel governo guidato da Matteo Renzi, cui ora succede Paolo Gentiloni, come il terrorismo internazionale e l'immigrazione, lo accompagnano anche nella sua funzione attuale, pur richiedendo – ammette - “un'impugnatura diversa”.

Per il Ministro l'anno appena cominciato presenta delle trasformazioni di così grande portata da farlo ritenere un tempo “straordinariamente importante”, “ma il nostro ancoraggio alle linee di fondo sopra richiamate ci rende sicuri pur in presenza di un contesto mutevole”. Tra i profondi cambiamenti che si prospettano nell'immediato orizzonte, l'insediamento del nuovo presidente americano Donald Trump e la “transizione newyorkese tra Ban Ki Moon e Antonio Guterres”, nuovo segretario generale delle Nazioni Unite.

Alfano rileva poi che così come “la rivoluzione digitale ha cambiato il mondo, ciò sia avvenuto anche per la politica estera, un cambio di fondo la cui chiave è la velocità”. “Dobbiamo abituarci – precisa – ad una politica estera che cambia ritmo”, rispetto al lento procedere delle diplomazie del passato e con un effetto che risulta inverso a quanto sino ad oggi assodato: dalle grandi questioni globali discendono immediatamente forti ripercussioni sulle politica interna e non viceversa.

Richiamate quindi le due agende degli eventi di politica internazionale in cui il nostro Paese è direttamente coinvolto: quella dell'Onu – l'Italia dal 1° gennaio scorso è membro (non permanente) del Consiglio di sicurezza – e del G7, presieduto quest'anno dal nostro Paese. “Guardando a quest'agenda globale – suggerisce Alfano - dobbiamo decidere che partita giocare, a testa alta e guardando agli altri giocatori”.

Nel primo caso – e il Ministro ricorda come la presenza italiana al consiglio di sicurezza voglia assumere anche una dimensione europea -  le questioni di fondo sono: “soluzione politica al conflitto siriano; stabilizzazione della Libia; situazione del Libano incluso il riesame strategico della missione Unifil; sostegno al processo di pace in Medio oriente; alla mediazione dell'Onu in Yemen; situazione in Somalia Eritrea e nel Corno d'Africa nel suo insieme; crisi dell'Africa centrale – stabilizzazione in Repubblica Centroafricana e Congo; consolidamento della pace e contrasto al terrorismo e ai flussi illegali nel Sahel; situazione in Sud Sudan; temi trasversali già consolidati come donne, pace e sicurezza, bambini e conflitti armati, protezione dei diritti civili, estremismo violento, conseguenze umanitarie della crisi e altri non ancora consolidati come sicurezza e cambiamenti climatici, collegamento tra terrorismo e criminalità, stato di diritto e lotta all'impunità”.

Per quanto attiene al G7, che non è solamente “un evento di grande portata mediatica, ma contiene il lavoro di un anno”, le questioni centrali discusse l'anno scorso e su cui il tentativo dell'Italia è di giungere ad un contributo di innovazione rispetto alle conclusioni raggiunte sono: economia mondiale e crescita; migrazioni e rifugiati; commercio internazionale; infrastrutture e promozione degli investimenti; salute globale; uguaglianza di genere; cyberspazio - accessibilità e sicurezza; lotta alla corruzione; clima ed energia”.

Alfano torna poi sull'avvio della presidenza Trump e si dice “convinto che i valori transatlantici usciranno rafforzati” dal suo quadriennio e ricorda come sia “diritto e dovere rispettare un presidente eletto da milioni di cittadini e l'America, la più grande democrazia del mondo”, confermando l'opportunità di fare un “investimento di fiducia e non di ostilità” verso il nuovo corso statunitense. Non nutre pregiudizi neppure sul rinnovato rapporto che si annuncia con la Russia, partner che definisce importante anche per l'Italia specie sul fronte dell'approvvigionamento energetico e per la lotta al terrorismo internazionale. Ricorda infine come sia stato doveroso partecipare alle sanzioni decise nei confronti di Mosca in ambito europeo e multilaterale, pur sottolineando come esse non siano “un automatismo, ma uno strumento funzionale al rispetto degli accordi di Minsk”. “La politica estera è il punto di compromesso possibile tra i principi alti e quello di realtà e l'Italia ha assunto su questa questione una postura corretta interpretando questo punto di congiunzione – afferma Alfano, che comunque si augura un riavvicinamento della Russia sia con gli Usa che con gli altri grandi Paesi dello scenario internazionale, auspicando un superamento del G7 – in G8 - con l'inclusione di Mosca.

Sul fronte europeo, il Ministro richiama le importanti scadenze elettorali – Olanda, Francia, Germania - e il percorso vero la Brexit, che deve essere completato “tutelando gli interessi dei tanti nostri connazionali che là risiedono”. Ricorda inoltre come la Gran Bretagna resti parte dell'Europa e tale legame continuerà ad essere alimentato con la partecipazione ai numerosi fori di dialogo e cooperazione presenti a fianco di quelli propri dell'Unione. Per Alfano l'approccio italiano alla politica estera continuerà quindi ad essere improntato all'europeismo, al multilateralismo e alla “vocazione mediterranea”, “in un contesto in cui si vanno stemperando via via le rendite di posizione e conta non ciò che si è e la presenza nei principali organismi internazionali, ma ciò che si è in grado di fare, l'iniziativa politica che solo può dimostrare una capacità di leadership a livello internazionale”. Tra i prossimi importanti appuntamenti ricorda poi la celebrazione del 60° anniversario dei Trattati di Roma, in programma il prossimo 25 marzo e il vertice sui Balcani occidentali previsto a Trieste il 12 luglio.

Per quanto riguarda invece il Mediterraneo egli ribadisce le priorità connesse alla sicurezza e alla gestione dei flussi migratori, segnalando come la “moderna idea di sicurezza comporti la condivisione delle informazioni e l'implementazione delle banche dati” ma anche l'allargamento dell'analisi delle “minacce asimmetriche” che non provengono più esclusivamente da Est. Contro lo Stato islamico, poi, la necessità è quella di coinvolgere di più la popolazione civile nella strategia contro tale pericolo, mentre sul fronte mediorientale Alfano ribadisce come l'Italia sostenga il processo di pace israelo-palestinese e la soluzione dei due Stati ribadita con la recente dichiarazione di Parigi.

Sulla questione migrazioni, oltre all'attuazione sul fronte europeo del piano dei ricollocamenti e alla revisione del Trattato di Dublino, viene ribadita la necessità di una cooperazione con il continente africano che tenga conto del contesto generale e dei numerosi interessi in campo, ma vincoli anche l'impegno della cooperazione alla gestione dei flussi. Infine, sulla situazione della Libia, ricorda come l'invio dell'ambasciatore italiano decisa nei giorni scorsi, “dopo aver verificato con la nostra intelligence che ci fossero le condizioni di sicurezza”, rappresenti “un grande segnale politico” e ribadisce come l'Italia incoraggi “l'avvicinamento delle parti, guardando al popolo libico tutto”, attenzione testimoniata in ultimo da progetti umanitari destinati alla parte est del Paese.

Si sottolineano i passi avanti compiuti anche per la soluzione del conflitto siriano, su cui Alfano annuncia l'intenzione di volere riferire nuovamente alle due Commissioni non appena vi siano novità e si ribadiscono quali priorità nel contesto europeo la crescita e l'organizzazione di un sistema di sicurezza e difesa comune. In ultimo, viene auspicato un rafforzamento dei rapporti con la diplomazia vaticana per la protezione dei cristiani perseguitati nel mondo.

Concludendo l'intervento Alfano, richiama l'impegno in corso alla Farnesina per la diplomazia economica e culturale - “la promozione del sistema Paese nel mondo resta una nostra priorità”, dice – e la difficile situazione dei connazionali in Venezuela che il governo italiano intende sostenere “rafforzando i presidi diplomatici e con una serie di altre iniziative”.

Tra i numerosi interventi, segnaliamo quello di Carlo Sibilia (M5S), molto critico sulle linea guida esposte che, specie sulla questione europea, a suo dire non rispetterebbero le istanze dei cittadini manifestate in ultimo con il “no” al referendum di dicembre; quello di Fabrizio Cicchitto, presidente della Commissione Esteri della Camera, che segnala il fallimento della politica estera delle ultime presidenze statunitensi e ritiene anche nocivo l'atteggiamento della Russia, teso a marginalizzare il ruolo dell'Europa per ricostruire il “bipolarismo della guerra fredda”; Paolo Alli (Ap, Ncd), recentemente eletto presidente dell'assemblea parlamentare della Nato, che invita ad una più accurata riflessione su ruolo e possibile riforma del Patto atlantico, solleva i suoi timori per un possibile inasprimento dei rapporti tra gli Usa di Trump e la Cina e sollecita anche una riflessione sul ruolo crescente che l'India è destinata ad assumere nel contesto internazionale; Pia Locatelli (Misto) che segnala alcuni casi di mancato rispetto dei diritti umani e sollecita l'impegno del governo per la verità sulla morte di Giulio Regeni, ricercatore italiano ucciso in Egitto; Edmondo Cirielli (Fratelli d'Italia) che condivide le preoccupazioni già espresse sulla Turchia, Paese che a suo dire svolge “un ruolo destabilizzante” nel contesto internazionale, richiama il governo ad una maggiore cautela sul fronte libico, ricordando come nostro compito sia “svolgere un ruolo di mediazione tra tutte le parti in causa ed evitare schieramenti impropri e pericolosi per l'ambasciata, i connazionali, le aziende e gli interessi italiani in loco” e ritiene che l'audizione avrebbe dovuto dire di più su italiani all'estero e cultura; Marco Causi (Pd) che ribadisce la necessità di riflettere in particolare sui temi di politica economica internazionale e sui possibili effetti che i dazi doganali annunciati da Trump potrebbero avere sull'esportazione dei nostri prodotti negli Stati Uniti; Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri del Senato, che afferma la sua completa condivisione dell'intervento di Alfano e annuncia un dibattito sulla situazione venezuelana, previsto la prossima settimana a Palazzo Madama, in cui auspica un chiarimento da parte della Farnesina su cosa si intenda fare per rafforzare, così come detto dal Ministro, la nostra presenza consolare a Caracas.

In sede di replica, Alfano ribadisce l'impegno per la verità sul caso Regeni, “per cui sono impegnati il nostro sistema giudiziario e diplomatico” e la vocazione europeista dell'Italia - “vogliamo cambiare l'Europa in meglio – dice – e non lasciare l'Unione”. Ribadisce infine la volontà di aggiornare le Commissioni sul procedere della situazione siriana e anche sul tema della tutela dei diritti umani. (Viviana Pansa – Inform)

Write comment (0 Comments)

ROMA - “La preghiera ti porta avanti nella speranza e, quando le cose diventano buie, occorre più preghiera! E ci sarà più speranza”. Questo l'insegnamento che Papa Francesco ha affidato  ai pellegrini e ai fedeli giunti dall’Italia e da ogni parte del mondo per assistere all'Udienza Generale, nell’Aula Paolo VI del Vaticano.

Continuando il nuovo ciclo di catechesi sul tema della speranza cristiana, il Santo Padre ha incentrato la sua meditazione sul tema: “Giona: speranza e preghiera”. (cfr Gn 1,4-5a.6).
“Nella Sacra Scrittura”, ha esordito Bergoglio, “tra i profeti di Israele, spicca una figura un po’ anomala, un profeta che tenta di sottrarsi alla chiamata del Signore rifiutando di mettersi al servizio del piano divino di salvezza. Si tratta del profeta Giona, di cui si narra la storia in un piccolo libretto di soli quattro capitoli, una sorta di parabola portatrice di un grande insegnamento, quello della misericordia di Dio che perdona”.

“Giona è un profeta “in uscita” ed anche un profeta in fuga!”, ha spiegato il Pontefice. “È un profeta in uscita che Dio invia “in periferia”, a Ninive, per convertire gli abitanti di quella grande città. Ma Ninive, per un israelita come Giona, rappresentava una realtà minacciosa, il nemico che metteva in pericolo la stessa Gerusalemme, e dunque da distruggere, non certo da salvare. Perciò, quando Dio manda Giona a predicare in quella città, il profeta, che conosce la bontà del Signore e il suo desiderio di perdonare, cerca di sottrarsi al suo compito e fugge”.

“Durante la sua fuga”, ha continuato Papa Francesco, “il profeta entra in contatto con dei pagani, i marinai della nave su cui si era imbarcato per allontanarsi da Dio e dalla sua missione. E fugge lontano, perché Ninive era nella zona dell’Iraq e lui fugge in Spagna, fugge sul serio. Ed è proprio il comportamento di questi uomini pagani, come poi sarà quello degli abitanti di Ninive, che ci permette oggi di riflettere un poco sulla speranza che, davanti al pericolo e alla morte, si esprime in preghiera. Infatti, durante la traversata in mare, scoppia una tremenda tempesta e Giona scende nella stiva della nave e si abbandona al sonno. I marinai invece, vedendosi perduti, “invocarono ciascuno il proprio dio”: erano pagani (Gn 1,5). Il capitano della nave sveglia Giona dicendogli: “Che cosa fai così addormentato? Alzati, invoca il tuo Dio! Forse Dio si darà pensiero di noi e non periremo” (Gn 1,6). La reazione di questi “pagani” è la giusta reazione davanti alla morte, davanti al pericolo; perché è allora che l’uomo fa completa esperienza della propria fragilità e del proprio bisogno di salvezza. L’istintivo orrore del morire svela la necessità di sperare nel Dio della vita. “Forse Dio si darà pensiero di noi e non periremo”: sono le parole della speranza che diventa preghiera, quella supplica colma di angoscia che sale alle labbra dell’uomo davanti a un imminente pericolo di morte”.

“Troppo facilmente noi disdegniamo il rivolgerci a Dio nel bisogno come se fosse solo una preghiera interessata e perciò imperfetta”, ha osservato il Santo padre. “Ma Dio conosce la nostra debolezza, sa che ci ricordiamo di Lui per chiedere aiuto e, con il sorriso indulgente di un padre, Dio risponde benevolmente. Quando Giona, riconoscendo le proprie responsabilità, si fa gettare in mare per salvare i suoi compagni di viaggio, la tempesta si placa. La morte incombente ha portato quegli uomini pagani alla preghiera, ha fatto sì che il profeta, nonostante tutto, vivesse la propria vocazione al servizio degli altri accettando di sacrificarsi per loro, e ora conduce i sopravvissuti al riconoscimento del vero Signore e alla lode. I marinai, che avevano pregato in preda alla paura rivolgendosi ai loro dèi, ora, con sincero timore del Signore, riconoscono il vero Dio e offrono sacrifici e sciolgono voti. La speranza, che li aveva indotti a pregare per non morire, si rivela ancora più potente e opera una realtà che va anche al di là di quanto essi speravano: non solo non periscono nella tempesta, ma si aprono al riconoscimento del vero e unico Signore del cielo e della terra. Successivamente, anche gli abitanti di Ninive, davanti alla prospettiva di essere distrutti, pregheranno, spinti dalla speranza nel perdono di Dio. Faranno penitenza, invocheranno il Signore e si convertiranno a Lui, a cominciare dal re, che, come il capitano della nave, dà voce alla speranza dicendo: “Chi sa che Dio non cambi, […] e noi non abbiamo a perire!” (Gn 3,9). Anche per loro, come per l’equipaggio nella tempesta, aver affrontato la morte ed esserne usciti salvi li ha portati alla verità”.

“Così, sotto la misericordia divina e ancor più alla luce del mistero pasquale, la morte può diventare, come è stato per san Francesco d’Assisi, “nostra sorella morte” e rappresentare, per ogni uomo e per ciascuno di noi, la sorprendente occasione di conoscere la speranza e di incontrare il Signore”, ha concluso Papa Francesco. “Che il Signore ci faccia capire questo legame fra preghiera e speranza. La preghiera ti porta avanti nella speranza e quando le cose diventano buie, occorre più preghiera! E ci sarà più speranza”. (aise)

Write comment (0 Comments)